Luz De Maria

VEGGETENTE CATTOLICA LUZ DE MARIA DE BONILLA

 

 

La vita di Luz de Maria è stata guidata da Dio fin dalla sua nascita, avvenuta in un piccolo paese del Centroamerica: il Costa Rica.  Attualmente risiede in Argentina.

Proviene da una famiglia di profonde radici cristiane, dove crebbe assieme ai suoi fratelli, circondata da un ambiente di spiritualità, con l’Eucaristia al centro della sua vita.

Trascorse la sua gioventù accompagnata dalla presenza dei suoi amati Angeli Custodi e della Madre Santissima, che sono stati i suoi compagni e i suoi confidenti. L’hanno resa più volte partecipe di Manifestazioni Celesti, presagendo quanto si sarebbe concretizzato poco a poco, anni più tardi.

Contemporaneamente allo sviluppo della sua vita professionale, Luz de Maria ha formato un gruppo che conta 15 membri, che l’accompagnano da quando hanno avuto inizio le Manifestazioni Divine nella sua casa, quali essudazioni di immagini religiose, profumi inspiegabili, ed altri fatti, che hanno reso la sua famiglia e i suoi parenti, testimoni dell’esperienza spirituale di Luz de Maria.

Durante la Settimana Santa dell’anno 1990, Luz de Maria ebbe l’incontro definitivo con la Madre Santissima, che le annunciò la sua guarigione fisica da una malattia delle quale soffriva e se ne prese cura in modo particolare per prepararla all’incontro con il Suo Divin Figlio, dando inizio così un lungo cammino durante il quale l’hanno sensibilmente illuminata sulla missione che il Cielo aveva preparato per lei.

Ha così inizio una nuova tappa della sua esperienza mistica, che la porterà a sperimentare profonde estasi, non solo alla presenza della sua famiglia, ma anche dei vicini, che in seguito si riuniranno per pregare, formando in questo modo un Cenacolo, che la accompagna fino ad oggi.

Col trascorrere degli anni, Gesù e la Madre Santissima, la formano perchè sia strumento utile, nelle mani del Vasaio Divino e si abbandoni alla Volontà del Signore, portando assieme a Cristo il dolore della Croce, che penetra fisicamente nel suo corpo e nella sua anima. (1)

Dopo un lungo periodo di attesa, durante il quale Cristo e la Madre Santissima l’hanno gradualmente preparata, chiedendole discrezione durante quel  lasso di tempo, il Cielo le ordina di trasmettere a tutta l’umanità la Parola Divina che ha ricevuto e che continua a ricevere. Da quel momento, Cristo le apre il cammino, guidando i suoi passi dove la Volontà Divina desidera che giunga l’Appello del Cielo.

Dopo che le venne dato l’Ordine Divino di farsi conoscere, e sotto l’ispirazione delle Spirito Santo, cominciò a visitare diversi paesi, specialmente dell’America Latina, rilasciando interviste radiofoniche e conferenze aperte al pubblico.

Questo Luz de Maria ha fatto nascere in alcuni fratelli il desiderio di mettere in pratica gli insegnamenti della Parola Divina, formando Cenacoli di preghiera ed attuando il Vangelo, lottando costantemente per avere una vita piena, nel compimento della Volontà di Dio e dell’amore per il prossimo.

Luz de Maria si sta rendendo conto che con il trascorrere del tempo, la Parola di Cristo e della Madre Santissima che riceve, sta assumendo un diverso tenore in quanto a forza ed intensità, a causa della prossimità degli avvenimenti che l’umanità si troverà ad affrontare.

Senza dubbio in ogni Appello Divino prevale l’Amore, la Misericordia e contemporaneamente la Giustizia Divina, annunciando e denunciando l’imminenza della Purificazione, frutto della disobbedienza dell’uomo e della cattiva gestione del progresso in tutti i campi, che hanno trasformato l’uomo nel flagello di se stesso.

Cristo le ha anticipato la persecuzione, l’ingiustizia, la diffamazione e le calunnie alle quali si vedrà sottoposta da parte di coloro che non accettano questi Appelli Divini e che non si stancheranno di perseguitarla per cercare di porre fine a questa Opera, ma lei lo accetta, sapendo che quale strumento di Cristo, deve seguire lo stesso cammino che Cristo percorse in terra.

La Madonna è la sua consigliera e per mano della Madre, continua ad essere una fedele discepola di Cristo, vivendo diverse esperienze mistiche durante le quali Cristo le fa condividere il Suo patire sulla Croce.

Le sono vicini Sacerdoti di vari paesi che l’accompagnano, ma come le dice Cristo stesso :”il tuo direttore spirituale sono Io”, poichè è Cristo che guida ciascuno dei suoi passi e tutto quello che fa.

Il Padre José María Fernández Rojas, che dall’inizio delle manifestazioni le è rimasto a fianco come suo confessore, ha accompagnato anche il suo gruppo di preghiera del quale fanno parte tre religiose, da quando venne formato il cenacolo 24 anni fa, e poichè una di loro è laureata in teologia, si è potuta mantenere una strettissima osservanza e l’analisi della parola rivelata.

La Missione di Luz de Maria, in totale ubbidienza a Cristo, è quella di essere strumento della Verità Divina in questo momento, annunciando e denunciando quanto viene indicato da Nostro Signore Gesù Cristo e dalla Nostra Madre Santissima, affinchè i figli di Dio continuino a lottare per la loro conversione e quella di tutti i loro fratelli, riconoscendo e combattendo con forza il male che li circonda e continuino decisi sulla via della Salvezza in ogni aspetto della vita.

La Parola Divina che riceve Luz di Maria invita l’umanità, come figli di uno stesso Padre, a raggiungere tutti l’unità come fratelli, mettendo in pratica il primo comandamento ed essendo eco dell’Appello di Cristo che convoca il Suo Popolo ad essere uno solo.

(1)   Referenza: Prima del momento in cui Cristo le fa condividere la Sua Passione, Luz de Maria comincia a percepire uno stato particolare che le fa riconoscere  in anticipo la manifestazione di questo prodigio, portandola poi a cadere in una profonda estasi, dando luogo a una scena drammatica per i testimoni, a causa della grande sofferenza, non solo fisica ma anche spirituale; cominciano a rendersi visibili le ferite sulle mani, sui piedi, sul costato e sulla testa; in alcune occasioni si manifestano lacrime di sangue, che emanano un profumo intenso che giunge a inondare tutta la casa.
Al termine dell’estasi, che può durare da una a varie ore, le ferite si chiudono rigenerando la carne e la pelle, lasciando visibile solo il sangue uscito da queste ferite…

24 ANNI DALLA PRIMA MANIFESTAZIONE DELLA 
SANTISSIMA VERGINE A LUZ DE MARIA
19 MARZO 2016

Immagine della Regina della Pace, che si è manifestata con olio.

 

Rendiamo grazie a Dio in questo giorno così speciale, in cui desidero delineare brevemente e a grandi linee, una storia che continua, poiché è un eterno presente.

Guardandomi indietro e veramente ringraziando il Cielo, non posso proseguire il cammino senza condividere con i miei fratelli, quello di cui sono grata, per le tante ed edificanti dimostrazioni d’Amore, di Misericordia e di Forza, che si sono susseguite da quando la nostra Madre Santissima ha steso a me, indegna creatura, la Sua Mano Materna, per condurmi da Suo Figlio Gesù Cristo.

Non ho dimenticato quella prima volta nonostante le successive occasioni in cui Cristo o la Madonna mi hanno fatto visita, esperienze che per me continuano ad essere come se fosse la prima volta.

Ho in mente gli occhi della Madonna, occhi a mandorla, belli, penetranti, del colore del miele, che mi hanno guardato e mi hanno assoggettata, mentre la mia anima in un attimo veniva colmata dall’Amore Materno.

Con il trascorrere dei giorni e dei mesi, la vicinanza materna è andata aumentando ed è stata continua, facendomi vivere un’istruzione particolareggiata di quanto Suo Figlio desiderava da me, con una serenità che solo la Madonna può avere e con un modo di parlare dolce, che non tiene in apprensione, ma al contrario comunica una completa sicurezza.

La Madonna mi ha esposto tutto il cammino che Suo Figlio mi proponeva di seguire, che poi è diventato questa Missione.

Mentre mi spiegava in modo esplicito, sono stata portata ad un tale grado dell’Amore che il Cuore di Nostra Madre mi mostrava, non con la vista del corpo, ma con l’anima stessa, che esercitando il libero arbitrio ho risposto: sì!.

Ho saputo in anticipo, perché mi era stato assicurato dalla Madonna, che la Sua Protezione non mi avrebbe mai abbandonata, se la volontà del mio cammino fosse rimasta quella Divina e non quella umana.  Dopo questo Primo incontro Supremo, dove ebbi modo di constatare una volta in più la grande bontà del Cielo nel rivolgere lo sguardo su di me, avevo grandi aspettative, anche se non mi sentivo e tuttora non mi sento degna.

La Madonna stabilì un punto fermo già nei primi anni ed è lo stesso sul quale a tutt’oggi continua ad operare in me: annullare la volontà umana.

Un quaderno ed una penna sono stati i protagonisti delle prime richieste della Regina del Cielo, perché mi ricordassi quanto mi veniva detto, senza sapere allora che avrebbero fatto parte dei primi scritti di un lungo, affannoso, provato, perseguitato processo, vissuto però con diletto, assieme a Colui che in seguito, dopo vari anni, Lei la mia Benedetta Maestra, mi avrebbe presentato: Cristo!

Cristo, il Re dei Cieli e della Terra, assieme a Sua Madre Santissima, mi offrì acqua e miele, mi offrì consolazione, ma allo stesso tempo mi anticipò le spine del cammino, nel mostrarmi la Sua Croce, che non è solo di Dolore, ma anche di Misericordia e di Gloria.

La Forza Divina venne accentuata dalla carezza delle Sue Parole e dall’energia della Sua Voce che, implacabile, non mi dava respiro nel farmi conoscere la Sua Volontà nei miei confronti: io mi sentivo impotente, piccola, immeritevole e non bastano tutti gli aggettivi esistenti per definire come mi sono sentita in quel momento… e Cristo, guardandomi, mi ha conquistata con il Suo Eccelso Amore, calmandomi completamente.

Ero al di fuori del mio essere, dell’ambiente in cui mi trovavo, al di fuori del mondo stesso; tutto era pace, tranquillità, benedizione ed amore, un amore che mi trafisse, portandomi nella profondità del Suo Cuore, dove mi mostrò i dolori della Sua Passione e la dedizione continua alla Volontà del Padre, la dedizione certa, fiduciosa e silenziosa della Sua Madre Santissima.

Madre e Maestra… Madre e Seguace… Madre e Discepola… Madre e Regina. Di fronte alla tenerezza con la quale il mio adorato Gesù Cristo guardava Sua Madre e Le prendeva la Mano, il mio cuore in quel momento assunse il controllo della mia volontà e pronunciò un SÍ!

Io sono la prima a non sentirmi meritevole di questa benedizione. Forse qualcuno ancora non sa che il Cielo, per mostrare la Sua Grandezza, prende quello che il mondo disprezza e trasforma una Sua creatura in quello che il mondo non immagina.

La Madonna, in varie occasioni in cui mi sono sentita scoraggiata a causa delle prove, mi ha riconquistata, dandomi la dolce consolazione dei Suoi Aromi Celestiali contenuti nell’olio che emana dall’immagine della Regina della Pace, che continua a dare manifestazioni anche di quello che io chiamo “brina”, piccoli luccichii che scendono e si rendono visibili, come quando una Madre dà un dolce al suo bambino per farlo smettere di piangere.

In quei momenti, la sofferenza viene dimenticata e l’allegria e la gratitudine hanno il sopravvento su ogni stato d’animo, mi danno nuove forze, non perché le chieda, ma perché questo è il modo in cui agisce il Cielo, dà e incoraggia, incoraggia e si dà.

In un giorno particolare, in cui, duramente provata dalla diffamazione, non riuscivo a contenere le lacrime che stavo offrendo a Cristo, dopo un lungo periodo di dolore, un Aroma Celestiale ha avvolto la mia abitazione, procurandomi un’emozione che mi ha fatto battere forte il cuore ed… ecco: Cristo di fronte a me, che stende la Sua Mano ed in quel momento che mi sembra la stessa Eternità, perché esistiamo solo Lui ed io, stende la Sua Mano Sacra camminando verso di me.  Guardandomi negli occhi, mi attira sul Suo Petto e tutto sparisce in un atto sublime, vissuto come prova del Paradiso anticipato, lasciando scolpita in me, per sempre, l’espressione sublime dell’Amore Divino, per il quale continuerò ad essere grata, fino all’ultimo istante della mia vita.

Il trascorrere del tempo che è Volontà di Dio, è uno scorrere accelerato in cui non esiste il riposo, mi ha portato a una vita che mai cambierei, colma di Misteri Divini condivisi ed in essi sono stata chiamata a condividere la Croce dell’affidamento nell’Amore e nell’Obbedienza al Padre Celeste e per Amore nei confronti dell’umanità.

La gioia di vivere in fraternità è parte del condividere e mettere in pratica la Parola Divina che ricevo nei Messaggi per l’umanità, rendendo possibile che voi riceviate con estrema precisione l’esplicitazione che Cristo, la nostra Madre Santissima e a volte San Michele Arcangelo ci rivelano, così che chi è addormentato si svegli e chi è sveglio continui a vigilare.

La fraternità non si è posta dei limiti nell’impegno, né nell’Amore che diffondono coloro che fanno in modo che questo Miele Divino giunga a moltissimi fratelli, a voi lettori che fate parte di questa famiglia, alla quale l’Amore Trinitario trasmette ogni Parola, perché non è solo un Messaggio di avvertimento, di preparazione e di incoraggiamento, ma è diventato una Cattedra di Crescita Spirituale che non tiene conto del disinteresse dell’umanità, ma è un flusso costante dell’Amore Divino che sgorga da Dio e ritorna a Dio, continuando a diffondere la Sua Misericordia su tutta l’umanità, affinché tutti possiamo essere salvati.

 

Luz de Maria, 19 marzo 2016

,

PROFEZIE SULL'ANTICRISTO IL FIGLIO DI SATANA

PROFEZIE SULL'ANTICRISTO IL FIGLIO DI SATANA RIVELAZIONI E PROFEZIE DATE A LUZ DE MARÍA L'ANTICRISTO RIVELAZIONI E PROFEZIE DATE A LUZ DE MARÍA NOSTRO SIGNORE GESÚ CRISTO 22.10.2018 Cercatemi prima che sia…