Share

In questo articolo parleremo della Preghiera contemplativa, perchè nel cenacolo di preghiera che abbiamo aperto e fondato è importante immergersi nel Santo Rosario, Coroncina, Novene, con lo spirito santo, con la meditazione, con il cuore. Per questo è importante conoscere la preghiera contemplativa perchè contemplare è anche sinonimo di meditazione, quindi fermarsi davanti ogni decina e leggere il passo, viverlo, meditarlo cosi da evitare di trasformare ogni preghiera in qualcosa di meccanico.

Cos’è la preghiera contemplativa?

I maestri spirituali insistono sul fatto che siamo tutti chiamati a percorrere la vita di preghiera fino ad arrivare alla contemplazione

La vita cristiana è necessariamente caratterizzata dalla vita di preghiera. In tutti i maestri spirituali troveremo, in modi diversi, sempre la stessa verità: la preghiera è indispensabile per il cristiano. Il Signore stesso ci invita nel Vangelo a “pregare incessantemente”. Definire cosa sia la preghiera può essere al contempo semplice e confuso.

Da un lato possiamo dire che pregare è semplicemente parlare con Dio, ma tutti coloro che hanno già avuto una piccola esperienza di preghiera sanno che anche se questa definizione è vera dev’essere specificata meglio se vogliamo avere un’idea più esatta di quello di cui si tratta. Quando cerchiamo di addentrarci un po’ di più nelle forme e nei metodi per pregare, sembra comune trovare la contemplazione come apice di quella vita, ma cos’è la contemplazione?

Seguendo i passi di Antonio Royo Marín, un maestro domenicano, possiamo intendere in generale la contemplazione come la risposta che il nostro spirito dà a uno spettacolo grandioso che richiama potentemente la nostra attenzione. È in qualche modo il fatto di guardare un oggetto con ammirazione.

Ad esempio, quando vediamo sbocciare un fiore possiamo semplicemente vedere e constatare una realtà o permettere che questa tocchi in qualche modo la nostra interiorità e che ci “parli” e ci “interpelli”. Forse possiamo distinguere la differenza tra un semplice guardare e il contemplare.

E possiamo contemplare non solo un fiore, ma il mare, una catena montuosa, una bella cascata o un’opera d’arte. In tutti questi casi parliamo di una specie di contemplazione che possiamo definire naturale. La contemplazione cristiana è invece soprannaturale, ed è stata definita in molti modi. Sant’Agostino dice che “la contemplazione è una deliziosa ammirazione della verità che risplende”. San Francesco di Sales ha affermato dal canto suo che “non è altro che un’attezione amorevole, semplice e permanente dello spirito alle cose divine”. Una caratteristica di questa contemplazione è il fatto che è infusa in noi, ovvero una luce superiore (di Dio) ci illumina con le verità che contempliamo.

 

Royo Marín, nel suo libro intitolato Teologia della Perfezione Cristiana, scende in molti dettagli riferiti alla contemplazione, e arriva a questa definizione: “È una semplice intuizione della verità divina proveniente dalla fede illustrata dai doni della comprensione, della sapienza e della scienza in stato perfetto”. Forse non è una definizione bella come quella di Sant’Agostino o di San Francesco di Sales, ma illustra bene come contemplare sia un dono di Dio all’uomo che ha fede.

Imparare con Papa Francesco

Papa Francesco ci dice che per la preghiera di contemplazione basta prendere il Vangelo, leggere e immaginarsi sulla scena, immaginare cosa accade e parlare con Gesù come ci viene dal cuore.

Da tutto ciò può derivare la sensazione che la contemplazione sia qualcosa di molto elevato, per persone scelte per rivelazioni mistiche, ma non per il cristiano “comune”. I maestri spirituali insistono però sul fatto che siamo tutti chiamati a percorrere la vita di preghiera fino ad arrivare a questa contemplazione. E penso che per questo vale la pena di capire che non esiste alcun cristiano “comune”, perché la santità a cui siamo chiamati è sempre nuova, unica, riflesso della grandiosità infinita e bella di Dio. Non siamo chiamati ad essere comuni, ma ad essere santi e a contemplare il volto di Dio faccia a faccia nella sua Gloria.

Con questo breve testo non siamo riusciti neanche a grattare la superficie della realtà della preghiera di contemplazione. C’è molto da approfondire, ma come ha fatto Maria quando ha contemplato il messaggio di Dio per mezzo dell’angelo, lasciamo che Dio infonda nel nostro cuore la sua Verità, perché contemplandola ci poniamo al suo servizio nelle varie realtà che viviamo. Fonte.

Catechismo della Chiesa Cattolica sulla preghiera contemplativa

La preghiera vocale

Con la sua Parola Dio parla all’uomo. E la nostra preghiera prende corpo mediante parole, mentali o vocali. Ma la cosa più importante è la presenza del cuore a colui al quale parliamo nella preghiera. « Che la nostra preghiera sia ascoltata dipende non dalla quantità delle parole, ma dal fervore delle nostre anime ». 179

La preghiera vocale è una componente indispensabile della vita cristiana. Ai discepoli, attratti dalla preghiera silenziosa del loro Maestro, questi insegna una preghiera vocale: il « Padre nostro ». Gesù non ha pregato soltanto con le preghiere liturgiche della sinagoga; i Vangeli ce lo presentano mentre esprime ad alta voce la sua preghiera personale, dalla esultante benedizione del Padre, 180 fino all’angoscia del Getsemani. 181

Il bisogno di associare i sensi alla preghiera interiore risponde ad un’esigenza della natura umana. Siamo corpo e spirito, e quindi avvertiamo il bisogno di tradurre esteriormente i nostri sentimenti. Dobbiamo pregare con tutto il nostro essere per dare alla nostra supplica la maggiore forza possibile.

Questo bisogno risponde anche ad una esigenza divina. Dio cerca adoratori in Spirito e verità, e, conseguentemente, la preghiera che sale viva dalle profondità dell’anima. Vuole anche l’espressione esteriore che associa il corpo alla preghiera interiore, affinché la preghiera gli renda l’omaggio perfetto di tutto ciò a cui egli ha diritto.

Essendo esteriore e così pienamente umana, la preghiera vocale è per eccellenza la preghiera delle folle. Ma anche la più interiore delle preghiere non potrebbe fare a meno della preghiera vocale. La preghiera diventa interiore nella misura in cui prendiamo coscienza di colui « al quale parliamo ». 182 Allora la preghiera vocale diventa una prima forma della preghiera contemplativa.

La meditazione

La meditazione è soprattutto una ricerca. Lo spirito cerca di comprendere il perché e il come della vita cristiana, per aderire e rispondere a ciò che il Signore chiede. Ci vuole un’attenzione difficile da disciplinare. Abitualmente ci si aiuta con qualche libro, e ai cristiani non mancano: la Sacra Scrittura, particolarmente il Vangelo, le sante icone, i testi liturgici del giorno o del tempo, gli scritti dei Padri della vita spirituale, le opere di spiritualità, il grande libro della creazione e quello della storia, la pagina dell’« Oggi » di Dio.

Meditare quanto si legge porta ad appropriarsene, confrontandolo con se stessi. Qui si apre un altro libro: quello della vita. Si passa dai pensieri alla realtà. A misura dell’umiltà e della fede che si ha, vi si scoprono i moti che agitano il cuore e li si può discernere. Si tratta di fare la verità per venire alla luce: « Signore, che cosa vuoi che io faccia? ».

I metodi di meditazione sono tanti quanti i maestri spirituali. Un cristiano deve meditare regolarmente, altrimenti rassomiglia ai tre primi terreni della parabola del seminatore. 183 Ma un metodo non è che una guida; l’importante è avanzare, con lo Spirito Santo, sull’unica via della preghiera: Cristo Gesù.

La meditazione mette in azione il pensiero, l’immaginazione, l’emozione e il desiderio. Questa mobilitazione è necessaria per approfondire le convinzioni di fede, suscitare la conversione del cuore e rafforzare la volontà di seguire Cristo. La preghiera cristiana di preferenza si sofferma a meditare « i misteri di Cristo », come nella lectio divina o nel Rosario. Questa forma di riflessione orante ha un grande valore, ma la preghiera cristiana deve tendere più lontano: alla conoscenza d’amore del Signore Gesù, all’unione con lui.

La preghiera contemplativa

Che cosa è la preghiera contemplativa? Santa Teresa risponde: « L’orazione mentale, a mio parere, non è che un intimo rapporto di amicizia, nel quale ci si intrattiene spesso da solo a solo con quel Dio da cui ci si sa amati ». 184

La preghiera contemplativa cerca « l’amore dell’anima mia » (Ct 1,7). 185 È Gesù e, in lui, il Padre. Egli è cercato, perché il desiderio è sempre l’inizio dell’amore, ed è cercato nella fede pura, quella fede che ci fa nascere da lui e vivere in lui. Si può meditare anche nella preghiera contemplativa, ma lo sguardo è rivolto al Signore.

La scelta del tempo e della durata della preghiera contemplativa dipende da una volontà determinata, rivelatrice dei segreti del cuore. Non si fa preghiera contemplativa quando si ha tempo: si prende il tempo di essere per il Signore, con la ferma decisione di non riprenderglielo lungo il cammino, quali che siano le prove e l’aridità dell’incontro. Non si può meditare sempre; sempre si può entrare in preghiera contemplativa, indipendentemente dalle condizioni di salute, di lavoro o di sentimento. Il cuore è il luogo della ricerca e dell’incontro, nella povertà e nella fede.

L’entrata nella preghiera contemplativa è analoga a quella della liturgia eucaristica: « raccogliere » il cuore, concentrare tutto il nostro essere sotto l’azione dello Spirito Santo, abitare la dimora del Signore che siamo noi, ridestare la fede per entrare nella presenza di colui che ci attende, far cadere le nostre maschere e rivolgere il nostro cuore verso il Signore che ci ama, al fine di consegnarci a lui come un’offerta da purificare e da trasformare.

La preghiera contemplativa è la preghiera del figlio di Dio, del peccatore perdonato che si apre ad accogliere l’amore con cui è amato e che vuole corrispondervi amando ancora di più. 186 Ma egli sa che l’amore con cui risponde è quello che lo Spirito effonde nel suo cuore; infatti, tutto è grazia da parte di Dio. La preghiera contemplativa è l’abbandono umile e povero all’amorosa volontà del Padre in unione sempre più profonda con il Figlio suo diletto.

Così la preghiera contemplativa è la più semplice espressione del mistero della preghiera. La preghiera contemplativa è un dono, una grazia; non può essere accolta che nell’umiltà e nella povertà. La preghiera contemplativa è un rapporto di alleanza, concluso da Dio nella profondità del nostro essere. 187 La preghiera contemplativa è comunione: in essa la Santissima Trinità conforma l’uomo, immagine di Dio, « a sua somiglianza ».

La preghiera contemplativa è anche il tempo forte per eccellenza della preghiera. Durante la preghiera contemplativa, il Padre ci rafforza potentemente con il suo Spirito nell’uomo interiore, perché Cristo abiti per la fede nei nostri cuori e noi veniamo radicati e fondati nella carità. 188

La preghiera contemplativa è sguardo di fede fissato su Gesù. « Io lo guardo ed egli mi guarda », diceva, al tempo del suo santo Curato, il contadino d’Ars in preghiera davanti al Tabernacolo. 189 Questa attenzione a lui è rinuncia all’« io ». Il suo sguardo purifica il cuore. La luce dello sguardo di Gesù illumina gli occhi del nostro cuore; ci insegna a vedere tutto nella luce della sua verità e della sua compassione per tutti gli uomini. La preghiera contemplativa porta il suo sguardo anche sui misteri della vita di Cristo. In questo modo conduce alla « conoscenza interiore del Signore » per amarlo e seguirlo di più. 190

La preghiera contemplativa è ascolto della Parola di Dio. Lungi dall’essere passivo, questo ascolto si identifica con l’obbedienza della fede, incondizionata accoglienza del servo e adesione piena d’amore del figlio. Partecipa al « sì » del Figlio fattosi Servo e al « fiat » della sua umile serva.

La preghiera contemplativa è silenzio, « simbolo del mondo futuro » 191 o « silenzioso amore ». 192 Nella preghiera contemplativa le parole non sono discorsi, ma come ramoscelli che alimentano il fuoco dell’amore. È in questo silenzio, insopportabile all’uomo « esteriore », che il Padre ci dice il suo Verbo incarnato, sofferente, morto e risorto, e che lo Spirito filiale ci fa partecipare alla preghiera di Gesù.

La preghiera contemplativa è unione alla preghiera di Cristo nella misura in cui fa partecipare al suo mistero. Il mistero di Cristo è celebrato dalla Chiesa nell’Eucaristia, e lo Spirito Santo lo fa vivere nella preghiera contemplativa, affinché sia manifestato attraverso la carità in atto.

La preghiera contemplativa è una comunione d’amore portatrice di vita per la moltitudine, nella misura in cui è consenso a dimorare nella notte oscura della fede. La notte pasquale della risurrezione passa attraverso quella dell’agonia e della tomba. Il suo Spirito (e non la « carne » che è « debole ») fa sì che nella preghiera contemplativa traduciamo in vita questi tre tempi forti. E necessario acconsentire a vegliare un’ora con lui. 

In sintesi

La Chiesa esorta i fedeli a una preghiera regolare: preghiere quotidiane, liturgia delle Ore, Eucaristia domenicale, feste dell’anno liturgico.

La tradizione cristiana comprende tre espressioni maggiori della vita di preghiera: la preghiera vocale, la meditazione e la preghiera contemplativa. Esse hanno in comune il raccoglimento del cuore.

La preghiera vocale, basata sull’unità del corpo e dello spirito nella natura umana, associa il corpo alla preghiera interiore del cuore, sull’esempio di Cristo che prega il Padre suo e insegna il « Padre nostro » ai suoi discepoli.

La meditazione è una ricerca orante che mobilita il pensiero, l’immaginazione, l’emozione, il desiderio. Essa ha come fine l’appropriazione nella fede del soggetto considerato, confrontato con la realtà della propria vita.

La preghiera contemplativa è l’espressione semplice del mistero della preghiera, uno sguardo di fede fissato su Gesù, un ascolto della parola di Dio, un silenzioso amore. Realizza l’unione alla preghiera di Cristo nella misura in cui ci fa partecipare al suo mistero. Fonte.

Share