LA POSIZIONE DELLA CHIESA CATTOLICA SULLA VITA NELL’UNIVERSO

Non è quindi una bestemmia affermare che la chiesa è contraria all’esistenza di altri figli di Dio nell’universo. Dire il contrario vorrebbe dire, che l’universo che è l’opera più grande di Dio non solo è vuoto ma non serve a nulla, come non serve a nulla neanche festeggiare Gesù Re dell’universo. Universo che è presente ben 66 volte nella bibbia come nel seguente passo dei salmi:

Salmi 23

1 Di Davide. Salmo.
Del Signore è la terra e quanto contiene,
l’universo e i suoi abitanti.
2 È lui che l’ha fondata sui mari,
e sui fiumi l’ha stabilita.
3 Chi salirà il monte del Signore,
chi starà nel suo luogo santo?
4 Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non pronunzia menzogna,
chi non giura a danno del suo prossimo.
5 Otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.
6 Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe.
7 Sollevate, porte, i vostri frontali,
alzatevi, porte antiche,
ed entri il re della gloria.
8 Chi è questo re della gloria?
Il Signore forte e potente,
il Signore potente in battaglia.
9 Sollevate, porte, i vostri frontali,
alzatevi, porte antiche,
ed entri il re della gloria.
10 Chi è questo re della gloria?
Il Signore degli eserciti è il re della gloria.

 

CHE COSA NE PENSA LA CHIESA DELLA VITA NELL’UNIVERSO

Dopo aver accennato alla interpretazione della parola “universo”, la Chiesa non poteva non manifestare in una forma migliore il suo atteggiamento favorevole alla esistenza di altri pianeti abitati, se non dedicando l’ultima domenica dell’anno liturgico alla “Festa di Cristo Re dell’Universo”; e questa universalità del Suo regno viene ripetutamente ricordata e sottolineata nei testi delle tre Sante Messe della domenica.
Tutto ben considerato, mi sembra di poter affermare che in tale domenica vi è anche – e insieme – la Festa dei mondi e dei pianeti abitati!
Mi farò dunque promotore di questa iniziativa, aiutato senz’altro dalle preghiere degli extraterrestri medesimi.

ALCUNE TESTIMONIANZE A FAVORE DELLA VITA NELL’UNIVERSO

A favore dell’abitabilità di altri pianeti esistono varie testimonianze di laici, teologi e di persone morte in concetto di Santità e per le quali è iniziato o completato il processo di canonizzazione. Ovviamente mi limito solo ad alcune.
Per quanto concerne i laici, ne riporto una di un grande scienziato francese, Charles Richet (1850-1935), di cui si è già parlato all’inizio; è importante qui notare che egli era un materialista. Ebbene, nel suo “Traité de Métapsychique” (1922) scriveva: “Con quale diritto coi nostri sensi limitati, la nostra intelligenza oseremo affermare che nell’immenso cosmo l’uomo è il solo essere intelligente? … Che esistano forze intellettuali diverse da quelle dell’uomo … non solamente è possibile, ma è estremamente probabile. Si può anche pretendere che sia certo. È assurdo supporre che la sola intelligenza della natura sia la nostra” (p. 787-788).

Per quanto riguarda i teologi:

  1. Il Cardinale Niccolò Cusano (1401-1464), filosofo e scienziato, diceva: “Non c’è stella dalla quale siamo autorizzati ad escludere l’esistenza di esseri, sia pure diversi da noi”.
  2. Il gesuita e astronomo Padre Angelo Secchi (1818-1876) scriveva: “È assurdo considerare i mondi che ci circondano come enormi deserti inabitati e cercare il significato del nostro universo in questo nostro piccolo mondo abitato”.
  3. Il noto predicatore domenicano Padre Jacques-Marie Monsabré (1827-1876), francese, riteneva verosimili altre esistenze di viventi, comprese tra quelle degli esseri umani e degli angeli, argomentando sul principio “Natura non facit saltus”.
  4. Il già citato Padre inglese Thurston scriveva: “Chi può affermare che non vi siano altri esseri intelligenti nell’Universo di Dio oltre a queste tre categorie di angeli, demoni e persone umane? lo non intendo affermare come fatto positivo la possibilità implicitamente contemplata in questa domanda; mi limito a domandare: Chi lo può asserire?” (op. Cit., p 3).

 Per quanto concerne le persone morte in concetto di Santità ne ricordo due:

  1. Il salesiano “Servo di Dio” Don Andrea Beltrami (1870-1897); è noto come egli pregasse molto per i possibili abitanti di altri pianeti.
  2. Il secondo è Padre Pio da Pietralcina, assai noto e oggi già Santo. Gli fu chiesto: “Padre, dicono che in altri pianeti ci sono creature di Dio”. Risposta: “E che, vorresti che non ci fossero, che l’onnipotenza di Dio si limitasse al piccolo pianeta Terra? E che, vorresti che non ci fossero altre creature che amano il Signore?”.
  3. Alla domanda, sempre a Padre Pio: “Padre, ho pensato che la Terra è un niente di fronte agli astri e a tutti gli altri pianeti”. Risposta: “Eh sì, e noi usciti dalla Terra siamo nulla! Il Signore non avrà certo ristretto la Sua gloria a questo piccolo pianeta. In altri ci saranno degli esseri che non avranno peccato come noi!” (Don Nello Castello, “Così parlò Padre Pio”, Vicenza 1974). 

LA VITA NELL’UNIVERSO NEGLI SCRITTI DI MARIA VALTORTA

A proposito di altra vita oltre il pianeta Terra, c’è un illustre precedente nell’opera di Maria Valtorta
Dai Quaderni del ’43: 
22 agosto 1943: “Sarei un ben piccolo e limitato Iddio Creatore se non avessi creato che la Terra come mondo abitato! Con un palpito del mio volere ho suscitato mondi e mondi dal nulla e li ho proiettati, pulviscolo luminoso, nell’immensità del firmamento. La Terra, di cui siete tanto orgogliosi e tanto feroci, non è che uno dei pulviscoli rotanti nell’infinito, e non il più grande. Certo però è il più corrotto. Vite e vite pullulano nei milioni di mondi che sono la gioia del vostro sguardo nelle notti serene, e la perfezione di Dio vi apparirà quando potrete vedere, con la vista intellettuale dello spirito ricongiunto a Dio, le meraviglie di quei mondi.

28 agosto 1943: Dice Gesù: “Nulla è ignoto al Dio Uno e Trino. Tutti gli avvenimenti dell’Universo: nascite e morti di pianeti, formarsi e disgregarsi di nebulose, vita o morte sugli astri lanciati nello spazio, cataclismi, deflagrazioni, sono conosciuti, in eterno, dall’Eterno. E ugualmente in eterno sono conosciuti tutti gli avvenimenti della Terra: uno dei milioni di mondi creati da Dio, quello che a voi è noto perché ne siete abitatori…
Spingi lo sguardo, o Maria, nell’eternità nostra. Immergiti in questo segno di Dio. È come se tu affissi lo sguardo verso un cielo tersissimo e pensi che oltre quell’azzurro, che ti pare limite, è altro, altro, altro spazio sconfinato, sempre più alto… Il suo azzurro è fatto di milioni incalcolabili di chilometri di etere nel quale danzano i mondi creati dal Padre mio
Quanti misteri ha ancora l’Universo per voi! Siete immersi nel mistero. Mistero di Dio. Mistero dei perché di Dio. Mistero della seconda vita. Mistero di leggi cosmiche. Mistero di rapporti fra questo vostro pianeta e gli altri mondi. Mistero dei rapporti fra i viventi sulla terra e i già passati alla seconda vita.”

24 novembre 1943: “Davanti a un Dio che incarna parte di Sé stesso per farne salvezza delle sue creature colpevoli, l‘Universo trasecola di stupore e si prostra in un silenzio adorante prima di esplodere nel cantico delle sfere e dei mondi, giubilanti per la Perfezione che scende a portare l‘Amore al pianeta coperto di peccato.”

9 dicembre 1943: “Allora verrò, non più Maestro ma Re, a prendere possesso della mia Chiesa militante, ormai fatta Una e Universale come la mia Volontà la fece. Cessato per essa il secolare travaglio. Vinto per sempre il Nemico. Mondata la Terra dai fiumi della Grazia scesa per un’ultima volta su di essa a farla come era al principio, quando il peccato non aveva corrotto questo altare planetario destinato a cantare con gli altri pianeti le lodi di Dio, e per la colpa dell’uomo divenuto base al patibolo del suo Signore fatto Carne per salvare la Terra. Vinti tutti i seduttori, tutti i persecutori che con ritmo incalzante hanno turbato la Chiesa mia sposa, Essa conoscerà la tranquillità e la gloria.”

29 gennaio 1944: “Quando il tempo sarà finito e la vita dovrà essere unicamente Vita nei cieli, il mondo universo tornerà, come hai pensato, ad essere quale era all’inizio, prima d’esser dissolto completamente. Il che avverrà quando io avrò giudicato.
Molti pensano che dal momento della fine al Giudizio universale vi sarà un attimo solo. Ma Dio sarà buono sino alla fine, o figlia. Buono e giusto.
Non tutti i viventi dell’ora estrema saranno santi e non tutti dannati. Vi saranno fra quei primi coloro che sono destinati al Cielo ma che hanno un che da espiare. Ingiusto sarei se annullassi ad essi l’espiazione che pure ho comminata a tutti coloro che li hanno preceduti trovandosi nelle loro medesime condizioni alla loro morte.
Perciò, mentre la giustizia e la fine verranno per altri pianeti, e come faci su cui uno soffia si spegneranno uno ad uno gli astri del cielo, e oscurità e gelo andranno aumentando, nelle mie ore che sono i vostri secoli – e già si è iniziata l’ora dell’oscurità, nei firmamenti come nei cuori – i viventi dell’ultima ora, morti nell’ultima ora, meritevoli di Cielo ma bisognosi di mondarsi ancora, andranno nel fuoco purificatore. Aumenterò gli ardori di quel fuoco perché più sollecita sia la purificazione e non troppo attendano i beati di portare alla glorificazione la loro carne santa e di far gioire anche la stessa vedendo il suo Dio, il suo Gesù nella sua perfezione e nel suo trionfo.”

(l’opera di Maria Valtorta e affermazione di autenticità da parte della Madonna a Medjugorje)

Medjugorje, 25 gennaio 1991: “Cari figli, oggi come mai prima vi invito alla preghiera. Che la vostra preghiera sia preghiera per la pace. Satana é forte e desidera distruggere non solo la vita umana ma anche la natura e il pianeta su cui vivete…”

Cleonice Morcaldi nacque à San Giovanni Rotondo (Foggia) il 22 gennaio 1904, nello stesso giorno, mese ed anno in cui Padre Pio faceva a Morcone, dopo il noviziato, la professione religiosa. Conobbe Padre Pio nel 1920, prima di sostenere gli esami di stato per conseguire il diploma magistero. Da allora trovò nel venerato Padre una guida paterna sicura e forte e anche una materna perché sostituì quella di sua madre fin dal momento in cui divenne orfana. Le sue virtù e la sua devozione filiale determinarono, da parte di Padre Pio, una predilezione nei suoi confronti. Alla scuola del primo sacerdote stigmatizato la signorina Cleonice imparò a meditare, a pregare, ad amare Gesù e la Vergine Maria. Fece nelle mani del Padre crocifisso i voti di povertà, castità ed obbedienza, che rinnovò ogni anno il giorno dell’Immacolata Concezione. Annotò diligentemente alcune risposte di ordine spirituale ricevute da Padre Pio. Preparò i testi di alcuni drammi sacri che venivano rappresentati per fini benefici e per raccogliere offerte in favore della la Casa Sollievo della Sofferenza. Dopo la morte di Padre Pio divulgò ciò che aveva appresso da lui, ricevendo nella sua casa persone di ogni ceto e città. Morì il 23 febbraio 1987. Ha lasciato una raccolta di Testimonianze su Padre Pio e un Diario.

Cleonice disse a Padre Pio: “Quando mi han detto che i pianeti sono abitati, la mia fede si è scossa”. Padre Pio rispose: “E che? Non vorresti che ci fossero altri esseri? Che l’onnipotenza di Dio si fosse limitata a questo nostro piccolo pianeta?”

Cleonice disse a Padre Pio:  Ho pensato che la terra è un niente di fronte agli altri e a tutti gli altri pianei. Padre Pio rispose:  E si e noi usciti dalla terra siamo un nulla. Il signore non avra certo ristretto la sua gloria a questo piccolo pianete, in altri ci saranno degli esseri che non avranno peccato come noi!

(Padre Pio a Cleonice  Morcaldi, La mia vita vicino a Padre Pio diario intimo spirituale, Edizioni casa sollievo della sofferenza, quinta edizione, 2013, pag. 85)

ALCUNI BRANI DELLA VITA NELL’UNIVERSO CONTENUTI NELLE RIVELAZIONI – LA DIVINA VOLONTA RIVELATA A LUISA PICCARRETA 

LA VITA NELL’UINIVERSO RACCONTATA DAL CAMMINO – VERSO LA NUOVA CREAZIONE – A CURA DI STEFANIA CATERINA E P.TOMISLAV

NICOLA REINA E LA VITA NELL’UNIVERSO

Nicola Reina

Alcuni messaggi che parlano di vita su altri pianeti

14 novembre 1994, ore 4,30 
Nicola: “Mamma ieri sera nella trasmissione televisiva Misteri è stato trattato il fenomeno degli Ufo. L’interrogativo che si sono posti gli scienziati in seguito alle testimonianze visive dei tantissimi che assicurano di averli visti, è il seguente: Esistono altri pianeti abitati da esseri intelligenti? Esistono gli Ufo?  Tu, spinta da sana curiosità e di desiderio di conoscenza perché, se affermativo, apre un’infinità di perché inerenti alla tua fede, giri a me la domanda.
Sì, mamma, tanti altri pianeti sono abitati e costituiscono un insieme unico con voi abitanti del pianeta Terra, facenti tutti parte di questo meraviglioso universo visibile, creato da quell’unico Dio a cui ogni cosa fa capo, per questa sua creatura intelligente, a cui riserva il possesso di se stesso nella vita che non ha fine. 
I tanti perché a cui vorresti che io ti rispondessi, poiché la luce che da essi emanerebbe sarebbe così forte da produrre la paralisi delle vostre facoltà intellettive e di ricezione, non accrescerebbe la vostra fede, anzi la metterebbe in pericolo, allora ti dico, non chiederti niente. Ti illuminerò nella misura che dalla verità che ti comunico e che tu puoi accogliere più chiaro ti sia l’amore immenso di questo Padre che nella Trinità SS.ma genera Gesù per salvare attraverso la sua Passione questa umanità ferita dal peccato. 
La terra è il pianeta più antico ed è stato il primo ad accogliere Lucifero e gli angeli ribelli, precipitati dopo il loro rifiuto di Dio.
Ecco perché Gesù è venuto sulla terra a consumare la sua offerta. Ti chiedi se essi sono simili a noi.  Nell’essenza sì, perché figli dello stesso Padre che ci ha creato a sua immagine. 
Ma, come ogni uomo sulla terra, risente dell’ambiente in cui è nato pur essendo formato perfettamente dagli stessi elementi, e la sua fisionomia varia così che un uomo dell’equatore non presenta le stesse caratteristiche di che è nato tra le nevi del Polo Nord; lo stesso si verifica per gli abitanti dei vari pianeti dell’universo… 
L’uomo del Pianeta Terra è malato, non è più in grado di produrre quell’energia vitale che l’avrebbe portato ad una perfezione uguale o anche superiore, ai suoi fratelli di altri pianeti che si affacciano oggi nella sua vita…”

22 novembre 1994, ore 4,10
Nicola: “Mamma, questa mattina desidero, se mi ascolti, ampliare la tua conoscenza sul mondo visibile che vi circonda, e partirò proprio dagli Ufo di cui tu stessa me ne hai fornito l’occasione.
Dio Padre crea dei figli, che riflettono la sua stessa immagine, intelligenza, libertà di scelta, immortalità, destinati a condividere con Lui la gloria ed una gioia senza fine.
Crea gli Angeli puri spiriti che hanno caratteristiche diverse dagli uomini. Essi si spostano rapidamente, da un punto all’altro dell’universo, sono invisibili, sono in grado di captare tutta la luce che emana dal Dio increato, e quindi apportatori di luce.
Crea l’uomo, anch’esso capolavoro del Dio invisibile, formato di spirito e di carne, e l’uno, completa e condiziona l’altro; a l’uomo affida le sorti del mondo visibile, lo rende compartecipe della creazione. Crea altri esseri viventi gli animali, che anch’essi hanno sebbene ridotta, una libertà di scelta, un’intelligenza in ragione della funzione che sono chiamati a realizzare in aiuto all’uomo.
A coronamento, di tutto ciò, un universo visibile perfetto e meraviglioso ancora da scoprire.
Ti ho parlato, riferendomi agli Ufo, che ci sono sì, altri pianeti abitati da uomini come noi, formati di spirito e di corpo; se essi fossero puri spiriti, come gli Angeli, non avreste visto con i vostri occhi carnali l’oggetto che solcava i vostri cicli e che giustamente avete chiamato astronave. La domanda che vi ponete è se anch’essi hanno peccato come noi, visto che hanno raggiunto un grado di conoscenza superiore alla nostra.
Mamma, ad ogni creatura nata dal suo amore e destinata ad una felicità senza fine, Dio ha chiesto e continua a chiedere una prova d’amore. Così agli Angeli, così all’uomo, sia che esso è stato destinato a popolare il pianeta Terra o altri pianeti sparsi nell’universo. Ed essendo libero (l’uomo) può aver optato o per l’amore o per il rifiuto dell’amore.
Chi ha optato per l’amore è in grado di utilizzare il dono dell’intelligenza, in maniera quasi totale e ve li trovate che sfrecciano sulle vostre teste, suscitando stupore, perplessità, meraviglia. Ma ci sono anche creature degli altri pianeti, ribelli, meritevoli di castigo.
Ma attraverso l’offerta del Figlio suo unigenito, Dio salda questa frattura causata dal peccato ed in un unico amplesso, unisce a sé ogni creatura nata dal suo amore.
Del resto, mamma, anche sulla terra ci sono stati e continuano ad esserci uomini, che attraverso una volontà eroica, spinta al possesso del bene, hanno raggiunto quella perfezione per cui sono stati in grado di godere della visione beatifica di Dio, senza passare per l’ulteriore purificazione del Purgatorio. Sono i santi, i martiri, i mistici.
Questi ultimi specialmente, infrangono le leggi naturali ed il possesso di Dio lo attuano anche su questa terra. Hanno vinto la carne, hanno vinto il dolore, hanno vinto la morte. Io ne so qualcosa.”

Fonte: http://www.nicolareina.it/

I MESSAGGI RICEVUTI DA ENOCH IN COLOMBIA CONFERMANO CHE CI SONO FALSI PROFETI CHE PARLANO DELLA VITA NELL’UNIVERSO MANIPOLANDO LA PAROLA DI DIO AFFINCHE ANIME SI PERDINO E NON SI RISVEGLINO

Ci sono delle persone che non dovrebbero essere seguite e acclamante, perche sono falsi profeti, e usano le informazioni in loro possesso per fare disinformazione da un lato perchè servono Satana, e per arricchirsi dall’altro. Una di queste persone si chiama Mauro Biglino che diffonde idee anticristiche secondo cui abitanti di altri sistemi solari hanno creato e colonizzato la terra e che la bibbia non è un libro sacro. Un altro personaggio da non seguire, è Giorgio Bongiovanni, che inserisce nella sua divulgazione la reincarnazione sia per gli abitanti della terra che per quelli dell’universo, quindi niente paradiso inferno e purgatorio, e niente Santissima Trinità, peche gli alieni di bongiovanni non credono nella santissima trinità, credono nel sole, credono in un Dio che ha creato tutto ma li fa reincarnare, perchè la morte è una cosa che non puo essere sottomessa alla sua onnipotenza. Questi 2 personaggi sono molto pericolosi, sia perche divulgano eresie mescolate alla fede cattolica, sia perche fanno conferenze nel mondo e in Italia inculcando molte anime a credere nella reincarnazione, e in alieni che non credono in Dio perche anche loro possono diventare Dio attraverso la reincarnazione. Bongiovanni ha un blog dove parla continuamente con questi alieni che lo definiscono uno strumento di Dio e un amico, ovviamente sono demoni e non figli di Dio. Entrambi i personaggi sono scomunicati dalla chiesa cattolica.

Voglio aggiungere che Giorgio Bongiovanni è un falso profeta come Mauro Biglino poiché Sì agli angeli che gli extraterrestri che dice di vedere e che lo considerano un amico gli hanno riferito che dopo la morte c’è la reincarnazione e non la resurrezione per andare in paradiso e Purgatorio o all’inferno questi angeli e questi extraterrestri Non parlano mai della Madonna dei Santi dei beati parlano dei cerchi nel grano fanno i buonisti sulla guerra e non credono nella Santissima Trinità per loro Dio è una intelligenza universale che non ha il potere di creare più nulla e costringe le anime a passare in diversi corpi Finché queste anime non diventano come lui quindi ogni potente perfetto e questa sappiamo noi che è una bestemmia contro lo spirito santo infine voglio aggiungere che in verità questi angeli che parlano con Giorgio Bongiovanni sono gli angeli decaduti che manipolano la parola di Dio e si nascondono dietro Onlus di beneficenza dietro anime che fanno le opere ma diffondono la menzogna.

L’AVVERTIMENTO UNIVERSALE E IL RISVEGLIO DELLE COSCIENZE

Ciao mi chiamo Walter e sono proprietario del Blog abbapadre.it sul quale verranno diffusi argomenti spirituali importanti, quali la Divina Volontà di Luisa Piccarreta, la divina misericordia di santa Faustina Kowalska, Avvertimento universale, e tanto altro per la salvezza delle anime.

 

METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOKMI PIACE
+