Cavarzere 28 dicembre 2018

 

Ecco Gesù Fratelli miei, sorelle mie lodate Dio, la Santissima Trinità. Sono arrivato, il vostro Gesù, sono bambino oggi appena nato, ma sono grande, sono come voi, ma anche sempre piccolo. Quanta gioia mi date, e quanta gioia mi date per tutte le cose, tutte le preghiere che fate, questo voglio Io! Sorelle e fratelli miei, e vi dico figli perché siete i miei bambini. Tutto consiste nelle cose sante che mio Padre ha creato, tutto è gioia e misericordia! Oggi è la giornata degli innocenti e tanti innocenti vengono trucidati tutti i giorni dell’anno, nessuno lo capisce questo. Tante persone: adulte, anziani, giovani, bambini, vengono trucidati dalle persone più potenti, persone che hanno un cuore di pietra. Voi siete molto forti con la preghiera, Io vi do un cuore dolce, un cuore pieno di amore e pieno di gioia. Quante calunnie per il mondo, quanta ipocrisia. Questa festa è la mia festa, è la festa del Bambino Gesù! Chi l’ha celebrata? Poche persone! Chi è andato alla Santissima Messa della mia nascita? Poche persone! In tanti posti poche creature, e Io piango. Io sono Gesù e piango come bambino oggi, perché vedo le cose come sono messe in tutto il mondo. C’è ipocrisia e cattiveria! Solo lussuria e niente altro! Amatevi, fratelli e sorelle, amate, crescete come cresce la pasta per fare il pane, questa è la vera fede! La fede, se non c’è fede, non potete crescere, il mondo si suicida. Il mondo non è più come una volta figli miei! Tanti anni fa tutto era bello e buono, si aspettavano le feste per riunirsi in famiglia, per pregare con la famiglia, per dare alla famiglia quell’umiltà, quella gioia capace di affrontare poi anche le croci! Il giorno di Natale si raccontavano le favole ai bambini, adesso che fanno? Solo giocattoli e niente altro! Quanta cattiveria figli! Quanti bambini verranno ammazzati ancora! Quante creature, giovani e anziane che non hanno di che mangiare e vanno a rovistare dentro la spazzatura per trovare cibo, e i governanti cosa fanno? Questo messaggio diffondetelo, perché è questo che fanno i governanti di tutto il mondo! Il mio paese, la mia città, ho scelto l’Italia per farne la mia casa di gioia, di amore e di fede, e invece cos’è accaduto? Quello che non doveva accadere! Io ho amore, tanto amore per i laici, ho tanto amore per tutte le persone semplici che pregano e aiutano i poveri, aiutano tutte le persone bisognose. Figli miei, sapete quante persone stanno piangendo adesso? Ci sono centomila, duecento, trecentomila Erode che tutti i giorni ammazzano i bambini e li buttano nella fossa; tolgono gli organi e li vendono per la vita di altre creature, di altre persone e tutto questo solo per denaro! Ve lo dico con il cuore, amatemi! Amatemi fratelli e sorelle, sono il vostro Gesù, sono il Re, il Figlio di Davide! Ho tante cose da dirvi, le cose che oggi ascoltate, domani dimenticatele! Ascoltate la parola santa, tutti i giorni in chiesa. Leggete il vangelo e anche se non capite, ve lo spiegherà l’Angelo. L’angelo è dentro di voi se voi siete buoni e bravi, perché Io sono dentro di voi e chi mi ama è dentro di me! Quante parole dico, ma nessuno mi ascolta! Amate la mia dolce Mamma, la Vergine Maria, Dio Padre ha mandato me nel suo grembo e Io sono nato sulla terra per voi!! Tutti i cristiani sulla terra e anche quelli che non sono cristiani, accogliete le mie parole perché le mie parole sono verità e vita! Amatevi gli uni e gli altri, non bisticciate con nessuno, non ascoltate le parole calunniatrici perché le porta il demonio. Quelle non bisogna ascoltarle, dite sempre: va bene! Va bene così! Ridete e pregate per quelle persone che dicono parole al vento! E la Comunione all’altare, ricevetela sulla lingua, non lo dico più! Io non voglio essere masticato, devo scendere libero nel vostro cuore e portarvi tanta gioia, tanta misericordia, cara al Signore!!! Quante parole dolci vorrei dire al vostro cuore se fate questo! Nella Comunione Io scendo giù nel vostro cuore e vi plasmo il cuore col mio amore! Cantate nello Spirito Santo, unitevi gli uni e gli altri, siate forti nel parlare di Dio; non vi mettete paura, non vi mettete vergogna nel parlare di me! Cantate perché Io sono insieme a voi, sempre sono insieme a voi perché il mio amore è forte per voi. La mia Mamma è la vostra Santa Madre, adoratela sempre, pregatela tutti i giorni. Chi può pregare preghi tanto, chi non può perché ha tante cose da fare, la famiglia, il lavoro, non abbia paura, gli Angeli vi seguono e vi aiutano a pregare, voi siate forti, non vi ammazzate più! Lo vedete quante catastrofi stanno succedendo e quante ancora ne arrivano! Non ve la prendete con Gesù! Io scendo piano piano su una nuvola, tutte le persone sante e buone le porto con me, quelle che non credono andranno all’inferno uno per uno. Gli angeli portano in cielo quelli che pregano, che sono buoni di cuore, la vita è così figli miei! Capite questo messaggio perché è una cosa grande!! Creature mie, predilette al mio cuore, vi aspetto tutti per la vita eterna perché la vita eterna ve l’ho promessa. Ve la darò perché Io sono morto in croce per conquistarvi la salvezza, il paradiso, la vita eterna. Pregate per le sante anime del purgatorio perché loro pregano per voi. Pregate per tutti i figli miei, tutti gli ammalati, per quelli che sono un po’ titubanti nella fede; pregate per quelli che considerate cattivi: Io sono venuto per i peccatori, non per i buoni. Ecco, voi pure dovete trattare le persone con amore, solo così si convertiranno. Si convertono così, non con parole al vento, piano piano. Vi faccio capire quello che dovete dire perché è lo Spirito Santo che parla in voi, lo Spirito Santo che Io vi ho dato e vi darò sempre. Ecco, adesso vi lascio perché è un po’ stanca questa creatura. Lei si è offerta affinché Io potessi dirvi tutte queste cose, e Io l’ho accontentata! Fratelli miei, sorelle mie, adesso Io sono in mezzo a voi dentro la chiesa. Passo vicino a voi e vi faccio la croce sulla testa. La mia Mamma vi avvolge col suo manto. Vi benedico: in nome di Dio Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Pace figli! Pace! Pace e misericordia per tutti. Amen!

Richiami materni della Mamma Celeste Cavarzere 4 dicembre 2018

 

LEGGI  Santa Veronica Giuliani le visioni sull'inferno

Figli miei, lodate Dio, la Santissima Trinità! La pace: è il dono di questa sera. Io sono in pace e così voglio per voi. La pace porta l’amore di Dio che fra non molto nasce in tutto il mondo. Fra non molto arriva il mio Gesù, su una nube e sceglie i buoni e i cattivi. I buoni gli angeli li portano su e i cattivi vanno nella geenna. L’amore è Dio e nessun idolo deve passare davanti a Dio. Padre e Figlio sono un solo Dio con lo Spirito Santo. Io sono la Mamma di tutto il popolo di Dio, Mamma sulla terra e Mamma in cielo. Sono la Regina di tutto il mondo. Ascoltate questa Mamma, imparate bene da questa Mamma! In queste feste vi raccomando i bambini, i giovani tutti. Andate in chiesa alla messa, per la nascita del mio dolce Gesù. L’amore è di tutti e la pace è di tutti. Vi aspetto tutti in chiesa per questo Natale. Siete tutti uguali, bianchi e neri, siete tutti uguali, siete miei figli, siete nati dal mio grembo. Figli miei, ho avuto tanta tenerezza per portare Gesù al Padre mio e vostro; ho avuto tanta gioia, tanta misericordia e tanta pace. Quanta pace c’è nel cielo figli!!! Qui ci sono gli angeli e ci sono anime sante del purgatorio, anime che vi ringraziano per la preghiera che fate. Dodici sono salite in paradiso con me, stanno vicino a me e pregano tanto per voi. Voi avete pregato tanto per loro. Pregate per tutte le anime e loro pregano per voi e vi fanno essere sempre tanto amati da Dio. È avvento e bisogna pregare. Pregate la vostra cara Mamma che deve partorire il Figlio di Dio. Eccomi figli miei, quanto amore ho per voi! Quanta gioia mi date, quando sento: “Mamma accudiscimi, dammi questo e dammi quell’altro!”. Io prego il Signore Dio e Dio mi da tutto, Gesù mi da tutto. Fate quello che vi dico, voi dovete fare la volontà di Dio e la mia volontà. Fate la mia volontà. Cantate, suonate, pregate con tutto il cuore per tutte le creature del mondo che non hanno niente da mangiare. Pregate per gli ammalati, per le persone che non credono, pregate perché chi bestemmia non lo faccia più. Non dimenticate le persone anziane che sono nelle case di ricovero. Questo messaggio va lontano! Non fate solo, la Mamma chiede preghiera. Se non pregate non viene quello che volete, no! Dovete capire anche altre cose! Io ve lo dico come una Mamma che vi ha partorito. Non state male quando avete una malattia, state tranquilli. Quando è ora del fatidico sì, della venuta nel cielo, voi non sapete che cose belle che vi aspettano! Non vi arrabbiate quando siete ammalati, non lamentatevi. Dio ha tanto amore per voi, si prende cura di voi. Capite, figli, quante gioie vi dà e quante ve ne darà ancora se fate la sua volontà? Pregate, amate e date misericordia! Ancora questo vi dico: riempite le chiese! La mia casa perché è così vuota? Perché questo? Lo capirete quando non ne potete più? Quando dite: Madonna santa, Dio santo, perdonaci, ci puoi perdonare? Ecco quello che vi dico: pregate che non vengano catastrofi. Pochi giorni si sta bene e gli altri c’è sempre qualche cosa che non va. Poco si prega, non prega nessuno. Molti si dedicano a fare orge, cattiverie, bisogna invece sperimentare la pace di Dio, l’amore di Dio, la gioia di Dio. Quando vai in chiesa che c’è il sacrificio della messa, mettersi in ginocchio, ben raccolti. Andate a fare la santa comunione con profondo rispetto! Mangiate con riverenza profonda il Corpo del Signore. Abbiate fede, tanta fede e fiducia in Cristo Re, mio Figlio! Quando si celebra la messa ci sono anch’Io. Il sacerdote fa la messa, ma è mio Figlio che vi dice le parole. Dovete ascoltarlo. Oh figli miei, benedette creature del mio cuore, non ammonite le vostre anime. Amate i sacerdoti e pregate per loro: i vescovi, il Papa. Non v’importa quello che succede, non giudicate perché il giudizio lo da il Padre! Io sono nei quattro angoli della terra e ovunque mi volete Io vengo, corro per darvi tante benedizioni, figli miei. Aspettatemi che vengo, sono sempre pronta. La mattina alzate la testa in alto, appena vi svegliate e dite: “Benedicimi Signore! Mamma santa Celeste, Mamma del perdono, benedicimi; benedici questa giornata e tutte le creature del mondo!”. E dopo dite:” Buongiorno Stella del mattino, Stella del mare e Porta del cielo, portami al mio dolce Gesù che io amo tanto! Oggi devo elevare preghiere fatte bene, come vuole lui. Grazie Mamma!”. E fate la preghierina che volete perché siamo tutti a guardarvi: il cielo è pieno di santi angeli. Anche qui adesso ce ne sono tanti. Pregate che non ci siano guerre figli; pregate per i capi di stato. Leggete il vangelo così vi istruite bene. La parola di Gesù porta la pace in casa, in famiglia. Tutte le persone che incontrate, salutatele con affetto. Fate sempre il segno della croce e dite l’Ave Maria. Anche che non vi salutano, salutate voi nel cuore e dite: fratello, pace! Questo dovete fare. Io vi benedico, figli. Vi prego come Mamma che vi ama tanto, pregate in questo avvento. Deve venire la pace in tutto il mondo, Io vi ricompenserò: con la pace in famiglia e benedizione fervente per tutti e per tutto. Grazie che mi avete ascoltato figli! Vi benedico. Adesso passo per tutti, Io e il mio dolce Gesù e vi dò la santa benedizione: in nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Siate forti, siate buoni e saggi. Fate la volontà di Dio! Grazie figli! Ciao figli miei. A presto! Lodate Dio, lodate la Santissima Trinità. Amen!

www.madonnaaddoloratadelperdono.it

 

LEGGI  MESSAGGIO DI GESU A LUZ DE MARIA 11 MAGGIO 2019

 

 

Breve storia delle apparizioni della Madonna del perdono

 

Una notte del 2011, Gina Milan, nata a Vado (Ve) e residente da 50 anni a Lonca (Codroipo – Udine tel 0432 906354), ha sognato una grande luce che donava pace e  gioia. Una nube si è aperta e ha svelato una sagoma di donna, avvolta dalla luce e con due occhi buoni,  profondi, di mamma. Quella donna ha fatto per due volte l’occhiolino a Gina. C’erano sagome di persone che camminavano. A loro Gina chiedeva chi fosse quella donna. Nessuno le rispondeva. Ad un certo punto ha sentito una voce dietro le spalle dirle “Cavarzere”. Gina  mai aveva sentito quel nome. Informatasi su internet ha scoperto che in quella città, in provincia di Venezia, esiste la Madonna Addolorata del Perdono. La stessa che aveva visto in sogno. 

 

Si è recata laggiù, percorrendo i 150 km. che separano Lonca, il suo paese, in provincia di Udine, da Cavarzere.Chiedendo dove fosse la Madonna, le venivano fornite risposte vaghe, come se le persone non ne sapessero nulla. Ma una signora le disse “ Ah! sì, c’è una Madonnina sotto la pensilina della fermata del pullman, appena fuori dal centro”. Gina vi si recò e la vide, sotto la pensilina, col manto bianco, secernere olio. Ancora una volta ebbe conferma che il suo sogno era realtà.

 

Lo stesso giorno conobbe Alina Coia, nata nel 1937 a  Caserta ma residente a Cavarzere dal 1969 dove ha gestito il bar fronte chiesa fino al 2001. Gina venne a conoscenza della straordinaria ma veritiera storia di cui Alina è protagonista, fin dalla prima apparizione della Madonna, risalente al 1997. Oggi Alina ha le S. Stigmate ai polsi e sui piedi. 
Ogni 4 e 28 di ogni mese, lei riporta pubblicamente i messaggi dettati dalla Madonna, nella sede del Gruppo di Preghiera di Cavarzere, frequentato da moltitudini di pellegrini, che qui giungono anche da fuori Italia.
Gina,  persona senza grilli per la testa, consapevole della responsabilità  che comporta l’impegno attribuitole dalla Madonna, dal 2011 a oggi, promuove visite di pellegrini a Cavarzere.  Il  4 luglio 2015, insieme a una cinquantina di persone del codroipese,  Gina si è recata di nuovo là. Non si sarebbe certo aspettata che, per voce di Alina, la Madonna del Perdono le conferisse l’incarico di portare avanti il gruppo di preghiera perché “ L’Umanità sta finendo e c’è bisogno di gente che preghi.  Non temere. Io ti ho scelta per questo e sarò sempre accanto a te. Non curarti di chi riderà. Vai avanti.  Figli miei, vi amo immensamente ma l’umanità è in pericolo. Bisogna pregare affinché i bambini non vengano maltrattati, non ci siano più guerre ma regni solo la Pace”. L’emozione di Gina e delle centinaia di pellegrini presenti era condivisa ed intensa. 
E continua in ogni gesto e parola di Gina “ Dal sogno in poi, sento l’esigenza di pregare per tutti. Io non prego per me ma per chi ha bisogno. Io sono persona normale, semplice, umile, non bigotta. Presto festeggerò  i 50 anni di matrimonio, sono mamma e nonna. Mai mi sarei aspettata una cosa del genere. Ma mi  scrivo tutto ciò che mi accade perché  ne rimanga testimonianza.  Ho cercato di tenere per me quanto mi sta accadendo ma adesso la Madonna si aspetta che il suo messaggio d’amore e pace  venga divulgato”.
Tra gli obiettivi di Gina c’è l’informazione,  la costituzione di un gruppo di preghiera e pellegrinaggi a Cavarzere con cadenza almeno trimestrale.  Ma, soprattutto, essere portatrice di pace, aiutando ed ascoltando. Per  info 0432 906354.